News

Il sindacato OCST ritiene che l’introduzione di misure concrete a sostegno delle famiglie e della conciliazione tra impegni familiari e lavoro sia un obiettivo politico e sociale centrale e irrinunciabile. È noto, infatti, che i livelli salariali attuali rendono necessario il contributo di entrambi i genitori al bilancio familiare: per molte famiglie non è, per esempio, economicamente sostenibile un tempo parziale condiviso tra i coniugi o che uno dei due coniugi si dedichi completamente alla gestione degli impegni familiari.

L'atto parlamentare, proposto dai gran consiglieri OCST Lorenzo Jelmini, primo firmatario, e Giorgio Fonio, si inserisce nella discussione sull’applicazione dell’iniziativa per un salario minimo.

L'OCST, tramite il suo segretario cantonale Renato Ricciardi, si è congratulata con il neoeletto Consigliere federale Ignazio Cassis. 

Come già annunciato nel comunicato pubblicato il 29 marzo scorso, l’OCST sostiene la riforma Previdenza vecchiaia 2020 in votazione il prossimo 24 settembre. 

Dal 2018 entreranno in vigore nuove regole per la naturalizzazione. Travail.Suisse, organizzazione di cui OCST fa parte, ha elaborato una scheda riassuntiva.