News

Due argomenti, che per molti aspetti sono collegati, hanno monopolizzato la discussione nella seconda metà dello scorso anno: il salario minimo e l’innovazione tecnologica. Sono entrambe questioni sulle quali il sindacato OCST desidera proporre la sua riflessione in modo costruttivo, allontanandosi dalle polemiche e dagli allarmismi.

Anche quest'anno sono intervenute varie modifiche ai Contratti collettivi in vigore. Di seguito vi riportiamo un elenco di quelli aggiornati.

 

L’iniziativa NO Billag, in votazione il prossimo 4 marzo, proponendo di abolirne la principale fonte di finanziamento, non fa altro che mettere in discussione l’esistenza e la funzione del servizio pubblico radiotelevisivo. I numeri in questo senso sono piuttosto chiari, dato che la perdita del 75 per cento delle entrate sarebbe difficilmente compensabile.

Dopo ripetuti tentativi, OCST, ASTAG (Associazione svizzera trasportatori stradali, Sezione Ticino), e LRS (Les Routiers Suisses, Ticino e Moesano) sono lieti di annunciare la sottoscrizione di un nuovo contratto collettivo di lavoro per il settore degli autotrasporti.

Per il suo ciclo di visite all’incontro di realtà economiche e sociali del nostro Cantone, il Presidente del Consiglio di Stato Manuele Bertoli ha voluto visitare la sede di Massagno della Cassa disoccupazione gestita dall’Organizzazione cristiano sociale ticinese (OCST).